Monitoraggio e Recupero Crediti: così la Cassa di Volterra ritrova l’utile

Monitoraggio e Recupero Crediti: così la Cassa di Volterra ritrova l’utile

Dopo due anni di rosso, la Cassa di Volterra registra risultati positivi con il bilancio 2017

Il 2017 si è chiuso positivamente per la Cassa di Risparmio di Volterra Spa (Crv) che, dopo due anni di rosso, ritrova l’utile: oltre tre milioni di euro, con margine da interessi essenzialmente invariato rispetto al 2016.
A commentare il risultato positivo è proprio il direttore generale della Cassa, Stefano Picciolini, che evidenzia in primis l’impegno e la professionalità dei propri dipendenti, ma anche i risultati della messa in regime dei primi interventi del Piano strategico 2017-2020.

In tale risultato, infatti, un ruolo di fondamentale importanza è da attribuire alla intelligente riorganizzazione delle attività di monitoraggio e recupero crediti.

A definire i risultati, sono soprattutto i numeri: la raccolta totale da clientela ordinaria è cresciuta dell’1,1%, con l’indiretta salita dell’8,32%, mentre sono in calo i costi generali.
Mostrano una sensibile crescita i conti correnti con un saldo positivo di 1.400 rapporti in più rispetto al 31 dicembre 2016, ed il numero di clienti è salito di oltre 1.000 unità.

L’elemento più interessante consiste però nel rinnovato sostegno al territorio, che trova conferma nell’aumento degli impieghi sui conti correnti (+1,78%), dei prestiti personali e delle cessioni del quinto (+4,71%) e delle altre operazioni di impiego (+4,75%) tra cui rientrano i finanziamenti alle imprese.
In diminuzione del 15,42% le attività deteriorate nette, secondo Picciolini grazie anche a un’importante cessione di sofferenze, a cui ne seguiranno altre nel 2018 al fine di realizzare il processo di derisking; il tasso di copertura dei “dubbi esiti” del portafoglio dei crediti deteriorati a fine 2017 è pari al 40,75% in aumento rispetto al 39,02% di fine 2016.

Ora, la Cassa di Risparmio di Volterra si concentrerà soprattutto sul miglioramento di alcuni aspetti volti a conservare il regime positivo di questo momento. Tra questi, in particolare, il proseguimento delle attività di derisking e lo sviluppo della consulenza e dei servizi, al fine di rispondere in modo autentico ai bisogni reali di risparmio ed investimento delle famiglie e delle imprese.
A tale scopo, la Cassa di Volterra riproporrà, come l’anno scorso, formazione nelle scuole ed eventi di educazione finanziaria in collaborazione con società di gestione del risparmio e compagnie assicurative.

Condividi su:

Leggi anche: